giovedì 28 febbraio 2013

michele serra e la sfumatura






Bene. Lo so che se scrive Serra e se scrivo io la differenza esiste, ma riscontro che è solo mediatica: nuotare o annegare, è un tema ricorrente di questo blog.
Con altre parole, ma nella stessa onda, potrei citarmi dicendo: scegliere o tergiversare, stare alla finestra o partecipare,  fare la rivoluzione o evolvere.
Con diverso linguaggio noto compiaciuta che anche giornalisti di lungo corso su stampa accreditata, si bagnano le vesti nell'onda anomala, ma non per questo non prevedibile, che lambisce la nostra vecchia Europa e le nostre decrepite coscienze: così, si impone la chiarezza di una necessaria revisione interna che scardini i vecchi sistemi interiori prima dei mummificati poteri esterni. 
La  storia si scrive con intento consapevole ed equilibrato procedere, se si vuole creare il Nuovo. 

Caro Michele Serra e caro mondo che mi leggi, più che una sfumatura direi che stiamo parlando del quadro. 



  

Nessun commento:

Posta un commento