mercoledì 20 giugno 2018

FELICITA' A PASSO LEGGERO: IL RITUALE DELLA FELICITA' - 7 IMPARA QUALCOSA DI NUOVO

dal blog SALUTE LEGGERA

Qualche tempo fa ho pubblicato sul blog a passo leggero una immagina trovata sul web, che sintetizzava il RITUALE DELLA FELICITA'

Si tratta in effetti di ottime, quanto semplici, pratiche quotidiane in gradi di trasformare la qualità energetica del nostro sistema e di conseguenza della nostra realtà quotidiana.
Le approfondiamo una per una. Ecco la numero  7:

IMPARA QUALCOSA DI NUOVO


Ho 55 anni. Da 35 lavoro su me stessa, cercando risposte e facendo domande all'Universo, a me stessa, ai libri, ai Maestri che incontro sulla mia strada. Ho esplorato tanto da fare della mia ricerca il mio lavoro, e da 20 anni sono le persone che fanno domande a me perchè io sostenga la loro capacità di trovare le risposte.

Una delle cose che credo di aver integrato nel mio percorso è stata che non c'è età perchè non c'è fine alla ricerca; la vita implica cambiamento continuo e, stando nel flusso, anche noi non possiamo fare altro che cambiare. Per ogni certezza acquisita si apre una nuova frontiera potenziale da esplorare, quando ci rendiamo abili ad essere aperti e flessibili.
Questa flessibilità consente, anche quando la mente matura e esperta ti dice "già lo so, già l'ho fatto", di concederti la grande opportunità della meraviglia, tipica dell'innocenza del bambino.
Capita così che ogni giorno possa nascondere, nelle pieghe del suo quotidiano, qualche incredibile e inaspettata sorpresa, anche per gli occhi saggi di chi di vita alle spalle ne ha un pò.

Perchè questo sia, è importante essere disponibili , ricettivi e lasciarsi ammaliare da nuove cose, come se fosse ogni volta il primo giorno di scuola, l'inizio del viaggio, l'attimo prima dell'emozionante lancio dal paracadute. A volte questa attitudine consueta incontra una opportunità speciale, e bisogna saper ascoltare la voce dell'anima più che quella della testa.

La mia ultima opportunità speciale si è verificata poco tempo fa: dopo molti anni, ho scelto di partecipare ad un corso di 4 giorni dalla parte del corsista e non di chi il corso lo conduce.
All'inizio, devo ammetterlo, la posizione era scomoda, ma dopo il primo giorno sono riuscita a lasciare andare le mie sovrastrutture professionali e ad abbandonarmi alla riposante dimensione di chi non ha nulla da fare se non ricevere.
E' stato così che ho imparato qualcosa di nuovo: non rispetto alle tecniche o alle informazioni teoriche, ma - molto meglio! - su di me. All'alba degli infiniti percorsi fatti, ecco una nuova visione affacciarsi, una inusitata angolatura, accompagnata da una bella e viva emozione di gioia!

Voglio spendere due parole su questo corso specifico: si tratta del ONE con Luca Lorenzoni. 
Non so se sia "il corso più bello del mondo", come dice Luca, ma onestamente mi è sembrato il corso più efficace del mio mondo conosciuto attuale, più anche dei miei stessi seminari, che sono maggiormente specifici e "di nicchia". 
Ho esultato nel vedere la Nuova Era per la quale tanto mi sono spesa negli anni più bui, finalmente palesarsi: tante persone e tanti, tantissimi ragazzi, bellissime anime, cuori palpitanti e luminosi, in cammino verso la ricerca di sè e della propria verità; in amore, condivisione, fiducia. 
Il lavoro di Luca e dei suoi partners è ben integrato, coerente tra elementi yin e yang, condensando in ritmi serrati nuova visione, ascolto interiore, dinamiche di apertura all'altro e auto-esplorazione, sguardo al passato personale e al proprio futuro co-creato, sostegno all'auto responsabilità, al coraggio, alla rettitudine del cuore, sfidante rispetto ai limiti e alle convinzioni invalidanti individuali. Valore aggiunto la possibilità di affrontare la dinamica familiare, che in compresenza potenzia e capitalizza al massimo il percorso trasformativo. Consigliatissimo a tutti.
(vuoi fare TRASFORMA, la meditazione scaturita da un momento del ONE? clicca QUI)

Imparare qualcosa di nuovo implica umiltà e attitudine a mettersi in gioco per cambiare e crescere;
imparare qualcosa di nuovo è necessario per mantenere acceso in noi il fuoco, l'entusiasmo per questa esistenza magica e speciale che può sorprenderci in ogni istante;
imparare qualcosa di nuovo è essenziale per la giovinezza del cuore, unico organo che può restare puro come il baluginìo di una stella, facendo brillare gli occhi e espandendo Luce nel mondo.
A che altro altrimenti serve la Vita?

Nessun commento:

Posta un commento