mercoledì 15 agosto 2018

FELICITA' A PASSO LEGGERO: IL RITUALE DELLA FELICITA' - 15 CELEBRA

dal blog SALUTE LEGGERA

Qualche tempo fa ho pubblicato sul blog a passo leggero una immagina trovata sul web, che sintetizzava il RITUALE DELLA FELICITA'

Si tratta in effetti di ottime, quanto semplici, pratiche quotidiane in gradi di trasformare la qualità energetica del nostro sistema e di conseguenza della nostra realtà quotidiana.
Le approfondiamo una per una. Ecco l'ultima:

CELEBRA





Lo sai qual è l'arcano maggiore dei Tarocchi che parla di celebrazione? IL MONDO.
il Mondo è il numero 21, la chiusura di un ciclo, il raggiungimento della vetta.

Iconograficamente è rappresentato da una fanciulla all'interno di un ovoide.
L'ovoide, da un punto di vista simbolico, formandosi dall'intersezione di due cerchi, rappresenta l'interazione di due frequenze, idealmente l'unione dei mondi, due dimensioni esistenziali: materiale e spirituale, inizio e fine. Ricorda naturalmente la forma del seme, che contiene il potenziale della vita e l'essenza delle cose che, in una solo apparente contraddizione, con una attesa dinamica, si prepara a manifestarsi e nello stesso tempo preserva il Tutto.

L'invito del Tarocco del Mondo, che non conosce negatività, è sempre la celebrazione, poichè qualcosa si è concluso o qualcosa si è raggiunto.
L'arcano 21 testimonia la matrice della felicità, che nel nostro immaginario si prefigura come il Sacro Graal, premio ambito della nostra affannosa ricerca; peccato spesso non ci rendiamo conto che la meta è esattamente dove siamo ora, nel percorso, dove in ogni momento potremmo - se ce lo ricordassimo - festeggiare l'impresa di vivere.

Celebra. Non attendere che sia domani il giorno giusto, celebra oggi. Celebra adesso.
Perchè sei vivo, perchè puoi leggere queste parole, perchè il tuo cuore batte, perchè sei parte di questa grande avventura che è la vita. Celebra ogni attimo, celebra anche il dolore, che ti insegna a sperimentare nuove sfumature dell'esistenza. Celebra i momenti di follia e quelli di smarrimento, la gioia, la disperazione, il sole e la pioggia.
Celebra oggi, celebra ora,
celebra perchè puoi

SVEGLIARTI PRESTO

VISUALIZZARE

AMARE

MANGIARE SANO

REALIZZARE I TUOI SOGNI

ASCOLTARE MUSICA

IMPARARE QUALCOSA DI NUOVO

CREARE ABITUDINI SALUTARI

CIRCONDARTI DI PERSONE BELLE

SORRIDERE

CREDERE IN TE

REGALARTI DEL TEMPO

PROVARE GRATITUDINE

AMARE CIO' CHE FAI E FARE CIO' CHE AMI

E.... CELEBRARE TUTTO QUESTO!!



giovedì 9 agosto 2018

FELICITA' A PASSO LEGGERO: IL RITUALE DELLA FELICITA' - 14 AMA CIO' CHE FAI E FAI CIO' CHE AMI

dal blog  SALUTE LEGGERA

Qualche tempo fa ho pubblicato sul blog a passo leggero una immagina trovata sul web, che sintetizzava il RITUALE DELLA FELICITA'

Si tratta in effetti di ottime, quanto semplici, pratiche quotidiane in gradi di trasformare la qualità energetica del nostro sistema e di conseguenza della nostra realtà quotidiana.
Le approfondiamo una per una. Ecco la numero 14:


FAI CIO' CHE AMI E AMA CIO' CHE FAI

La storiella è conosciuta, ma la ripropongo qui:
un anziano capo Cherokee racconta al nipote la nostra battaglia interna:
"sai ragazzo mio, in ognuno di noi combattono due lupi: uno è preoccupazione, paura, infelicità, dispiacere, gelosia, autocommiserazione, invidia, senso di inferiorità. L'altro è felicità, amore, speranza, serenità gentilezza, generosità, verità, compassione"
il piccolo ci pensa un p e chiede:
"chi vince nonno?"
"vince quello che nutri, figlio mio"

Tu quale lupo stai nutrendo?

Te lo chiedo adesso, perchè è palese che se non nutri abitualmente il lupo della felicità e dell'amore per te stesso, non sarai facilmente orientato a scegliere di svolgere azioni che ami! Tenderai a indulgere in abitudini non sane e non gratificanti, che alimentano la fame del tuo lupo dell'infelicità.

Ancora più difficile sarà amare quello fai, poichè questo richiede che la felicità sia uno stato dell'essere e non dell'avere, cioè parta da dentro e non dipenda dall'esterno. Amare ciò che si fa, a prescindere da cosa sia, è un allenamento meraviglioso alla presenza: quando sei presente, allineato, connesso, sei nel qui e ora che ti consente l'integrazione di materia e spirito e l'accesso agli spazi reconditi e meravigliosi delle energie universali che scorrono dentro di noi.
Da questa posizione, non è il COSA, ma il COME, che ha significato e dà significato al vivere.

E'essenziale tendere verso il nutrimento del lupo della felicità: poniti questo obbiettivo con caparbia determinazione, scaccia via i pensieri boicottanti con ferma volontà, non farti mangiare! Il resto accade da sè.


giovedì 2 agosto 2018

FELICITA' A PASSO LEGGERO: IL RITUALE DELLA FELICITA' - 13 GRATITUDINE

dal blog SALUTE LEGGERA

Qualche tempo fa ho pubblicato sul blog a passo leggero una immagina trovata sul web, che sintetizzava il RITUALE DELLA FELICITA'

Si tratta in effetti di ottime, quanto semplici, pratiche quotidiane in gradi di trasformare la qualità energetica del nostro sistema e di conseguenza della nostra realtà quotidiana.
Le approfondiamo una per una. Ecco la numero 13:


DAI, RICEVI E SII GRATO

Ringrazio per il cinguettio degli uccellini che ascolto mentre sto scrivendo queste frasi; per le foglie agitate dal vento, sull'albero di fronte alla mia finestra; sono grata per l'ottima crepe di ceci di cui mi sono cibata oggi...
troppo semplice? ma E' semplice. La verità della vita è sempre semplice, tanto semplice da sembrare banale!
Semplice sì, ma non facile. 
Riuscire a sostare energeticamente in una vibrazione di gratitudine, che sia per una occasione particolare o che sia perchè esisti, è una delle cose più grandi che l'essere umano possa compiere. La gratitudine ci trasporta immancabilmente nel cuore; il cuore è un luogo senza spazio e senza tempo, dove ogni cosa può essere accolta e ogni istante è unico, prezioso e essenziale per la sua bellezza. Nello spazio del cuore c'è posto per il giudizio e per il suo contrario, per il bello e per il brutto, per i vuoto e per il pieno.
Per il dare e il ricevere, che sono due facce della stessa medaglia, poichè nulla dai se non hai e non hai se non ti apri a ricevere; e nulla ricevi, se non sei disposto a darlo, giacchè sarebbe come voler trattenere le onde del mare.

Il cuore è il centro del nostro Essere, la dimensione radiante della nostra autentica natura.
La gratitudine, collocandosi nel cuore, implicitamente innesca il virtuoso meccanismo di elevazione della nostra consapevolezza ad un livello più espanso; quando siamo in gratitudine possiamo toccare picchi di Amore, Gioia, "semplice" Essenza di quello che siamo.
No, non è così facile... eppure è tanto semplice...!

Nel 2013 ho pubblicato un post con la poesia dei Doni di Borges. 
Il post si chiama RINGRAZIARE DESIDERO, ed è uno stimolo, un invito, ad aggiungere, che sia nei commenti, che sia nella nostra testa e nel nostro cuore, elementi di cui essere grati.
E' stato in assoluto il post più letto tra tutti i numerosissimi post del blog  A PASSO LEGGERO.
Se hai voglia di espandere la tua gratitudine, scrivi, se vuoi, sotto il post "ringraziare desidero" oppure, semplicemente, ascolta il tuo cuore battere e la vita fluire dentro di te...
Io ti ringrazio, intanto, di esserci, di esistere, così che io abbia qualcuno a cui scrivere di gratitudine e facendolo, recepirne ogni meravigliosa fragranza.