lunedì 8 ottobre 2018

LO STATO DI FLUSSO



Hai presente quando sembra che non funzioni niente?
Quando, nonostante i tuoi sforzi, va tutto storto, oppure semplicemente non succede nulla?
Sai quei momenti nei quali non riesci ad essere attivo come vorresti, o abbastanza lucido e creativo, o coerente con i tuoi obbiettivi o pensieri?
Conosci quelle giornate in cui senti una cappa di tristezza o preoccupazione, o sei nervoso come un gatto bagnato e non riesci a goderti nulla?
E vogliamo parlare di quando il dialogo nella tua testa si interrompe solo per pensare al cibo e poi riprende frenetico, soprattutto se sei arrabbiato con qualcuno o qualcosa di specifico?

Insomma... sono certa che conosci almeno una di queste situazioni. Si tratta genericamente di momenti in cui il tempo ti scivola addosso e la vita sembra una punizione.
Momenti nei quali non sei felice.

Quando succede questo, sei focalizzato su quello che non c'è. Forse è il tempo, forse è un partner idoneo, forse è il denaro, o una occupazione piacevole, una forma più bella ecc. ecc. ecc.
di sicuro manca qualcosa o qualcuno.

Bene, lo avrai già capito: il consiglio è focalizzarsi su quello che c'è
Se ad esempio la tua forma non è smagliante, cosa possibile, sicuramente però... sei vivo, altrimenti non potresti fare questa considerazione! E dunque, per quanto possa sembrarti banale e estremamente basico, perchè non provare a gioire di questo? 
Ho fatto un esempio di estrema semplificazione, per introdurre il concetto fondante dello 
STATO DI FLUSSO.

Intanto premettiamo: noi siamo immersi in un flusso energetico continuo. 
La sensazione di ristagno che proviamo quando le cose non procedono è dovuta al fatto che siamo noi stessi a bloccare il flusso attraverso emozioni o convinzioni invalidanti e boicottanti che ci inglobano in una bolla chiusa e ci impediscono di scivolare morbidamente nel fiume della vita.
Quando la nostra energia è ben calibrata, quando corpo mente e spirito sono coerentemente allineati, accade invece che ci sentiamo trasportare dall'intelligenza dell'Universo e gli eventi o le circostanze succedono sincronici e cadenzati.

Lo STATO DI FLUSSO è quello stato nel quale sentiamo che, quasi miracolosamente, ogni cosa accade come un meccanismo ben oliato e perfetto, secondo ritmi ottimali e combinazioni che sembrano incredibili. La nostra giornata è veloce, semplice, leggera come l'immagine che abbiamo di noi e ci rendiamo conto di esprimere forza e gioiosa energia.
Ti è mai capitato?

Esiste una formula magica che dispone che si attui lo stato di flusso:
essere felici nel presente e avere contemporaneamente una visione per il futuro.

Hai capito bene, sembra un ossimoro, ma non lo è.

La conditio sine qua non, è certamente primariamente essere felici nel momento presente: è più facile se stiamo svolgendo una attività appassionante (pensa alle attività artistiche o creative, ma in generale a qualsiasi attività totalizzi l'attenzione e appassioni), ma non facciamoci trascinare nel tranello del "cosa". E' il "come" che è importante: si può essere felici anche di svolgere la propria vita quotidiana per il semplice motivo di poterla svolgere, godere di essa e coglierne gli infiniti doni nascosti! Espandere la gratitudine per quello che siamo e che abbiamo è lo strumento più efficace per recepire la felicità dello stato presente e in sè è già un traguardo molto importante.

E' però necessario anche procedere idealmente verso qualcosa, un desiderio, una meta, uno stimolo; il nuovo elemento ci consente di evitare la stagnazione e l'inerzia e ci sollecita a non sostare nell'area di confort. Creiamo così la tensione verso un obbiettivo, che offre al nostro sistema la giusta dinamica evolutiva, senza trasformare il conseguimento della meta nella meta del percorso: 
la meta del percorso resta infatti il percorso stesso e la bellezza celata nei suoi anditi nascosti.

Per comprendere appieno potremmo fare un esempio semplicissimo:
caso 1) sono in uno spiazzo erboso, cammino in tondo, senza nessuna direzione, godendo del prato e dei fiori. Fantastico, anche se non procedo, sto apprezzando il momento e la natura intorno a me.
caso 2) sono in un sentiero di montagna, cammino veloce perchè voglio raggiungere il rifugio; la mia attenzione è solo all'orologio. Sarà fantastico quando arriverò.
caso 3) procedo verso il rifugio per mangiare la buonissima torta di mele che già sto assaporando e potermi stendere al sole, ma intanto osservo il bosco che è meraviglioso... sento l'odore di muschio e godo dell'aria fresca sul viso; piccole fragole rosse punteggiano il sentiero e mi fermo a raccoglierle, poi riprendo di buona lena il cammino; percepisco i miei muscoli caldi, scattanti, agili, e assaporo il momento in cui, grazie a questo procedere costante, potrò sedermi e godermi il meritato riposo... adoro camminare per andare al rifugio. E' tutto fantastico.  

BUON FLUSSO!