mercoledì 14 agosto 2019

11 PASSI DELL'IO SONO - 5


IO SONO immensamente amato. Da quella parte di me che tutto sa


E' stupefacente. 
Quando siamo nel flusso ogni aspetto sembra allinearsi con gli altri per favorire la coerenza di azioni, avvenimenti, circostanze, messaggi, verso una direzione.
Non bisogna dare per scontato nulla, ma pur meravigliandoci, in qualche modo possiamo aspettarci segnali e coincidenze che rendano fluido il percorso.

E' come far parte di un film essendo contemporaneamente lo spettatore che guarda col fiato sospeso, ignaro della trama, e lo sceneggiatore, che conosce tutta la storia, ha scritto il copione, sa cosa succederà e quando. 

Se è chiaro che lo spettatore siamo noi nel vivere quotidiano, quando recepiamo la vita passo per passo e in certi momenti che ci appaiono magici ci facciamo stupire da come gli eventi si intersechino in modo perfetto, chi è lo sceneggiatore?

Saint Germain ci dice che lo sceneggiatore siamo sempre noi. 
Sono Io con la maiuscola, quella parte più elevata del mio piccolo io di personalità, che sa, vigila, sostiene, ama la piccola persona che incarno e con cui mi identifico.
Questa parte potremmo chiamarla Sè superiore, o particella di Dio, o scintilla di Luce, non ha importanza: 

sentiti connesso, solo questo conta
e ricevi la grazia di questo Amore

namastè    

venerdì 9 agosto 2019

11 PASSI DELL'IO SONO - 4



IO SONO fiducioso nella vita. Io so che ogni cosa accade per un motivo. La mia fiducia è importante per creare armonia. 


Ogni cosa accade per un motivo... penso ad un mio cruccio, ad una cosa che non va come vorrei; a qualcosa che magari recepisco ingiusta, sfortunata, inutile, sbagliata, per me e per la mia vita.
Entro in connessione con questa cosa e osservo come mi fa sentire.

So che è difficile, ma per dare un senso alla frase "ogni cosa accade per un motivo", sono obbligata a riconoscerne la valenza trasformante e utile.
Peccato che questa valenza al momento io non la veda affatto... non è così, la maggior parte delle volte?

Ma se io sapessi già tutto, se io sapessi già che questa cosa accade per il tal motivo e che poi, se correttamente integrata, produrrà la tal conseguenza, non sarebbe la vita talmente facile da sfiorare la noia?

Invece la vita è sfidante; la vita ci invita ad uscire dalla zona di confort e provare a cambiare.
I cabalisti chiamano questo libero arbitrio. Se non ci fosse una distanza temporale tra causa ed effetto, non ci sarebbe probabilmente nemmeno lo sviluppo della nostra capacità di scelta. Le leggi universali invece inducono  lo stimolo a esplorare sempre più e sempre meglio questo aspetto.

Quando do fiducia all'esistenza, sto scegliendo di vivere in connessione con il mio Sè superiore, con quel quid  inspiegabile per la mente conscia, ma che il mio sentire profondo conosce.

Arrendersi al fatto che ogni cosa succede per un motivo, e non è necessario che io capisca e conosca adesso, semplicemente mi porta in uno stato di rilassatezza, scioglie tensione interna e conflitti. 
Ed è armonia.